Coppa Italia: Finale - Canelli SDS 1922 0-2

Per la prima squadra trasferta positiva quella di ieri per il primo turno del triangolare valido per gli ottavi di finale di Coppa Italia di Eccellenza.

La formazione schierata da mister Raimondi ha dato risposte importanti dal punto di vista del gioco.

Assenti Acosta e Alasia per squalifica, Bordone, Vaqari, Di Santo e Zeggio per infortunio, Raimondi ne ha approfittato per tenere a riposo Bosco e Redi e dare spazio a chi ultimamente ne ha trovato meno.

Formazione di partenza quindi con Gjoni; Picone, Lumello, Fontana, Soldano; Azzalin, Gerbaudo, Blini; Celeste, Gili e Gallo.

Risponde il Finale con Porta, Salata, Conrieri, Galli, De Benedetti, Maiano, Buonocore, Ghigliazza, Vittori, Genta, Ferrara.

Partenza con qualche indecisione a fronte di una formazione molto fisica e capace di esprimere un buon calcio.

Il Finale a dispetto della posizione in classifica si è dimostrata squadra con ottime individualità e una buona organizzazione di gioco.

La prima grande occasione è infatti per i liguri, i quali sfruttando un errore su un calcio d’angolo a loro sfavore, portano con una fulminea ripartenza Conrieri solo davanti a Gjoni, il quale si supera in uscita bassa evitando la rete.

Pochi minuti dopo è Blini di testa invece a portare in vantaggio il Canelli SDS, abile a raccogliere un cross dalla destra di Gallo.

I ragazzi di Raimondi si dimostrano bravi a mantenere il controllo della palla e concreti sotto porta.

Emblematica è la rete del 2-0, nata da un palleggio prolungato prima della geniale imbucata di Celeste per l’inserimento di Soldano che da sinistra è stato bravissimo a fulminare Porta in diagonale.

Secondo tempo caratterizzato da una buona intensità, gradevole e con alcune buonissime occasioni solo nel finale di gara.

Per il Finale doppia conclusione prima di Scarrone e poi di Vittori, ai quali si oppone con due interventi prodigiosi ancora Gjoni.

ll Canelli SDS rischia invece di portare a tre le reti di vantaggio in due occasioni: con Gili, bravo a liberarsi in area prima di calciare fuori, e con il solito Bosco che, servito da Redi a tu per tu con Porta, calcia sul palo.

Trasferta positiva per il risultato e per la grande dimostrazione di affidabilità di tutti i componenti la rosa di Raimondi.

Ora ci saranno due settimane per pensare unicamente al campionato che vede già domenica un impegno difficilissimo contro il Benarzole.